Select Page

Siracusa yoga festival

Siracusa yoga festival

Siracusa yoga festival: yoga tra storia, natura e cultura

Dove poteva, un parigino DOC, innamorato della Sicilia e appassionato cultore della disciplina yogica, organizzare uno Yoga Festival, se non nella splendida cornice dell’antica città greca di Siracusa?

È stata un’impresa quasi titanica, tanto per far riferimento alla mitologia greca, quella di David Cassieau, francese di Parigi, e di Katia Santoro, sua fida collaboratrice, che in tempi brevissimi e con un’organizzazione impeccabile hanno dato vita ad un interessantissimo e variegato festival dello yoga. Si è svolto ad Ortigia, Siracusa, nei locali dell’Antico Mercato, edificio storico, con 15 maestri internazionali, 50 yoga workshop in 5 lingue diverse e di tutti i livelli, free class, spazio bimbi, area relax, cucina vegana, serate musicali e tanto altro.

Si è infatti appena conclusa la prima edizione del Siracusa Yoga Festival, che si è svolto dal 13 al 16 ottobre, e noi del Giornale dello Yoga siamo andati lì a curiosare, anche per voi lettori!

Immaginate di volare quindi assieme a noi sulle ali dell’immaginazione, in quella favolosa terra che è la Sicilia, per assaporare proprio quelle sensazioni ed emozioni da noi provate arrivando all’isola di Ortigia, uno dei siti del Patrimonio Mondiale dell’Unesco, per partecipare a questo festival nel bacino del Mediterraneo, luogo di confluenza e scambio tra culture, tradizioni e popoli anche molto eterogenei.

Siracusa

Siracusa, la più bella delle città greche

Appena arrivati, il tepore della sicilianissima Indian Summer ci avvolge e ci riscalda (26 °- 28°!!!!). Siamo ad ottobre inoltrato e qui la natura vive un’eterna primavera: ad ogni angolo di strada, ad ogni vicolo si respira la cultura e la storia di una città che proprio quest’anno celebra il 2750° anno di vita. Siracusa, fondata nell’VIII secolo A.C. da coloni greci provenienti da Corinto, definita da Cicerone la più grande e bella delle città greche, festeggia questo compleanno speciale con un fitto programma di eventi e attività culturali ed artistiche (vogliamo segnalarvi, tra gli altri, la mostra del famoso fotografo Steve McCurry all’ex convento di S. Francesco).

Questo breve video vi darà l’idea alcune delle cose straordinarie che si possono vedere a Siracusa

Uno yoga festival di stampo internazionale

Arrivati al cuore della città antica, Ortigia, ci dirigiamo verso la sede del Festival: tutt’attorno le mura dell’Antico Mercato brulica la folla di turisti, in visita agli innumerevoli siti storici ed archeologici adiacenti, che si attarda a curiosare tra i banchetti di spezie, prodotti locali e souvenir, del pittoresco e variopinto bazar.  Ma quando, varcata la soglia dell’Antico Mercato, ci introduciamo nel suo chiostro, ecco che tutta la confusione sparisce ed abbiamo la forte impressione di essere catapultati all’improvviso in un altro mondo. C’è un silenzio raccolto e rilassato ed un’atmosfera magica che sembra fermare il tempo: gli yogin sono già al lavoro nelle sale chiamate per l’occasione con nomi di divinità greche: Apollo, Eros, Athena, Afrodite, Poseidon.

Non c’è da stupirsi, quindi che uno Yoga Festival organizzato in questo luogo potesse riscuotere un così ampio consenso: un Festival giovane e fresco e di stampo internazionale, ma anche radicato nella tradizione. Infatti si è cercato di rappresentare quasi tutti gli stili di yoga, da quelli più moderni e in voga a quelli più classici.

Quattro chiacchiere con gli organizzatori

Sebbene impegnatissimi, approfittiamo di un loro raro momento di pausa per intervistare al volo gli organizzatori: Katia Santoro e David Cassieu, l’ideatore e promotore del Festival.

GDY: David, come è nata l’idea di uno Yoga Festival a Siracusa?

David: L’idea di questo Festival è nata da un mio primo viaggio in Sicilia, 8 anni fa. Quando sono arrivato a Siracusa, ho cancellato tutte le altre tappe siciliane e mi sono voluto fermare in questa città, folgorato dalla sua bellezza. Per caso ho scoperto l’Antico Mercato e immediatamente, visitandolo, ho provato una forte emozione: da quella visione così intensa ho iniziato gradualmente a trarre ispirazione per la realizzazione di questo Festival. Ma tutto ha cominciato a concretizzarsi ad ottobre 2016, grazie all’incontro con Katia, siracusana e al suo supporto indispensabile.

Katia: Il lavoro organizzativo è stato immenso, partivamo da zero, ma abbiamo avuto l’entusiastico ausilio da parte di tutta l’amministrazione comunale, e in particolare dal Vice Sindaco, nonché l’adesione di buona parte della popolazione siracusana, in quanto qui a Siracusa lo yoga ha un grosso seguito. Le stesse forze dell’ordine che hanno autorizzato la manifestazione ci hanno incoraggiato dandoci il loro caloroso in bocca al lupo! L’impegno è stato immane, soprattutto per ottenere tutti i permessi per l’evento e superare gli ostacoli e gli intoppi burocratici che perfino il giorno prima dell’apertura si sono verificati, ma li abbiamo tutti risolti egregiamente!

Chiostro Siracusa

GDY: Il Siracusa Yoga Festival vanta la presenza di insegnanti delle più varie tradizioni dello Yoga, dall’Hatha al Vinyasa, dal Kundalini al Jivamukti e molti altri. Perché è stato importante per te, offrire ai partecipanti un’ampia varietà di stili, e perché questa grande presenza di insegnanti stranieri?

David: Questo evento è una festa dello yoga per tutti quelli che sono innamorati di questa disciplina e che vogliono incontrarsi per condividere con gioia questa pratica. Lo yoga è un’arte ed una scienza insieme e questa città che è crocevia di storia, cultura, arte ed unisce popoli diversi, mi è parsa subito il luogo più congeniale per accogliere insegnanti e partecipanti provenienti da tutta Europa. Ho voluto creare uno Yoga Festival alla portata di tutti, accessibile economicamente, in un posto che non ha niente da invidiare a tante mete esotiche. Abbiamo ottenuto per gli yogi convenzioni vantaggiosissime in alberghi e ristoranti, proprio per agevolare chi viene da fuori e i giovani. Tutto questo è stato possibile anche grazie all’aiuto dei volontari a cui voglio esprimere un grande ringraziamento: più di 40 Karma Yogin che hanno lavorato senza sosta, con tanta energia ed entusiasmo, per garantire l’accoglienza dalle 7 del mattino fino alle 7 di sera, che si sono occupati di fare le traduzioni in 5 lingue diverse, che hanno abbellito i luoghi di pratica, rendendoli sempre puliti e confortevoli, e cooperato per assicurare il sereno fluire di tutta l’organizzazione.

GDY: Un primissimo bilancio del primo Siracusa Yoga Festival?

David: Ancora il Festival non si è concluso, ma sicuramente il bilancio si delinea già da ora come molto positivo: contiamo circa 150 partecipanti, 40 volontari, e almeno un’altra decina di persone tra operatori di massaggio, standisti, addetti alla ristorazione vegana, oltre agli innumerevoli partecipanti alle free class! E poi tutti, sia maestri che allievi sono rimasti letteralmente affascinati da questo posto!

GDY: Mi sembra un ottimo bilancio per una primissima edizione! Pensate già al prossimo Siracusa Yoga Festival?

David e Katia: Ci sembra prematuro pensare ora alla seconda edizione, per adesso ci godiamo questo splendido qui ed ora!

Si avvicina il crepuscolo, le classi sono terminate, gli yogin si riuniscono con gli insegnanti ed i maestri attorno alla splendida fontana situata al centro del chiostro dell’Antico Mercato, per ‘chiacchierare’ di yoga facendo domande e ascoltando risposte, come in uso nella Grecia antica, quando maestro e discepolo passeggiavano assieme filosofeggiando. Il sole cala lentamente all’orizzonte, lasciando luminosi riverberi sul mare limpidissimo, l’odore della brezza marina ci apre le narici: vorremmo rimanere ma dobbiamo ripartire, con una promessa nel cuore però, quella di ritornare in questa città millenaria e modernissima al contempo, chissà… Forse per il prossimo Siracusa Yoga Festival?

Summary
Siracusa yoga festival: yoga tra storia, natura e cultura
Article Name
Siracusa yoga festival: yoga tra storia, natura e cultura
Description
Siracusa Yoga Festival è stato giovane e fresco e di stampo internazionale. Si è cercato di rappresentare quasi tutti gli stili di yoga...
Author
Publisher Name
Il Giornale dello Yoga
Publisher Logo

About The Author

Lorena Arcidiacono insegnante della Federazione Mediterranea Yoga.
Mi sono specializzata in Yoga nidra con Micheline Flack, in yoga per l'educazione dei bambini con Mirella Perlasca, e yoga donna con Barbara Woehler.
Mi trovi su facebook come Scuola Satori o alla mia pagina personale.

Lascia un commento

avatar