Select Page

Autore: Nadia Berti (YogAzione)

Le Upanişad e lo Yoga

Le Upanişad sono una serie di testi, in parte in prosa e in parte in versi, che vanno a concludere la letteratura vedica. Le Upanişad raccolgono l’essenza di tutta la filosofia e la religione indiana. Si narra che le Upanişad più importanti siano 108, ma che di queste 10 o 11, a seconda degli autori, siano quelle di maggiore importanza e 20 di queste vengono anche chiamate le Upanişad dello Yoga (sotto gruppo delle Upanişad minori) e sono state composte in un periodo compreso tra il IX e il XVIII secolo. Già da questa breve cronologia si può intendere...

Read More

Il Suono del Sacro

Il Suono Del Sacro: denominatore comune di ogni spiritualità La cultura è qualcosa di statico e mai fermo, un fluido che scorre nel tempo e nello spazio plasmandosi a seconda del contesto e del territorio, del clima e delle vicende storico-politico-economiche, come l’acqua che si adatta al recipiente che la contiene. Così la cultura, non è facile definirla, afferrarla, anche se possiamo provare a descriverla e a capirla. Sicuramente la viviamo. Ma al di là delle differenze vi sono cose che nell’essere umano superano confini, vicende storiche, situazioni politco-economiche e clima e territorio. Vi sono delle caratteristiche che si...

Read More

Uno Yoga o tanti Yoga?

Lo Yoga diventa tanti in uno e uno in tanti… La radice stessa da cui deriva il termine Yoga è una risposta a questa domanda, Yoga infatti deriva dalla radice sanscrita Yúj che significa “Unione”. Il significato di Unione è in contrapposizione con una suddivisione o una molteplicità. Ma allo stesso tempo bisogna prendere in considerazione la possibilità che l’Uno sia ricco di sfaccettature come un diamante o un prisma, e in effetti nel mondo dello Yoga e dell’Induismo in generale c’è molta ricchezza.. vi sono pensieri e correnti che apparentemente si contraddicono, ci sono testi che messi in...

Read More

La Bhagavadgītā e lo Yoga

Cos’è la Bhagavadgītā, conosciuta anche come ‘Gitā? La ‘Gītā è un testo, o più precisamente una porzione di un testo ancora più grande. Infatti, nonostante la ‘Gītā sia diffusa e letta come testo a sé, presa come fonte di ispirazione e di studio sia da praticanti Yogi che da ricercatori spirituali in genere, è in realtà collocata nel VI Parvan (libro) del più grande poema epico al mondo: il Mahābhārata. Si ritiene che il Mahābhārata sia stato composto tra il IV sec. a.C. ed il IV sec. d.C. e probabilmente il libro della ‘Gītā fu inserito attorno al III...

Read More