Select Page

Autore: Il Giornale dello Yoga

Yama

Yama, che cosa sono? Il primo degli ashtanga, gli otto stadi dello yoga, come descritto da Patanjali nei suoi Yoga Sutra, sono gli yama. Yama deriva dal sanscrito yam che significa “controllare” e indica i principi etici riguardanti il comportamento e la condotta morale dell’individuo. Gli yama secondo Patanjali possono venire compresi e praticati al livello dell’azione, della parola e dell’intenzione. Questi tre livelli vanno dal più materiale al più metafisico, dal più terreno al più aulico, dal più basso al più alto. Per coltivare i principi morali è buona norma partire dal basso, agendo sul livello dell’azione. Con...

Read More

Padahastasana, la posizione delle mani sotto i piedi

GUARDA TUTTE LE ASANA Padahastasana è una della posture base dell’hatha yoga e quindi una di quelle che vengono insegnate in quasi tutte le prime lezioni di yoga. Padahastasana è una delle poche posizioni che ti permettono di allungare tutti i muscoli del retro del corpo, dalla testa ai piedi. Padahastasana, significato Padahastasana deriva dal sancrito pada “piede”, hasta “mano” e asana “posizione”, quindi letteralmente significa “la posizione delle mani sotto i piedi”, ma comunemente viene descritta anche come “la posizione del piegamento in avanti”. Padahastasana, come si fa Posizionati in piedi sul tappetino con i piedi paralleli, leggermente distanziati tra loro. Inspira e...

Read More

Urdhva Mukha Svanasana, la posizione del cane a testa in sù

Urdhva Mukha Svanasana è una delle asana tradizionali che fanno parte del Saluto al sole. In ogni caso l’asana può essere praticata anche individualmente. Significato Urdhva Mukha Svanasana In sanscrito, urdhva significa “all’insù” o “verso l’alto”, mukha significa “muso”, “viso”, “testa” e svana “cane”. Questa posizione pertanto è tradotta letteralmente come la “posizione del cane a testa in su”. Come si fa Distenditi a pancia in giù sul tappetino con le braccia appoggiate a terra davanti alla testa. Allunga le gambe all’indietro con il collo dei piedi paralleli e appoggiati a terra. Piega i gomiti e appoggia bene i palmi delle mani a...

Read More

Tadasana, la posizione della montagna

GUARDA TUTTE LE ASANA Significato di Tadasana In sanscrito tada significa “montagna” e asana “posizione”, perciò Tadasana si può tradurre letteralmente come “la posizione della montagna”. Questa posizione è anche chiamata in alcune scuole Talasana, cioè “la posizione dell’albero di palma”. L’importante è non confondersi con Vrksasana, la posizione dell’albero, che si esegue invece con il ginocchio piegato. Tadasana, come si fa Posizionati in piedi sul tappetino, con i piedi paralleli tra loro, distanti circa 15 centimetri. Mantieni le braccia rilassate ai lati del corpo. Da questa posizione unisci i palmi delle mani di fronte al petto e fai salire...

Read More

Agnistambhasana

Agnistambhasana distende i muscoli esterni delle anche in modo molto efficace e in particolare il muscolo piriforme, che è spesso il responsabile della sciatalgia. Inoltre riduce lo stress e l’ansia. Significato Agnistambhasana In sanscrito, agni significa “fuoco” e stambha significa “statua”. Pertanto la traduzione letterale sarebbe la “posizione della statua di fuoco”, ma è più comunemente conosciuta con il nome di posizione del ciocco di legno o posizione doppia del piccione. Come si fa Agnistambhasana Inizia seduto in Dandasana. Posiziona un cuscino piatto o una coperta piegata sotto i glutei per elevare leggermente i fianchi da terra. Porta il piede destro...

Read More

Sarvangasana, la posizione a candela

GUARDA TUTTE LE ASANA Significato Sarvangasana In sanscrito sarva significa “tutto” o “intero”, anga significa “arto”, “parte del corpo” e asana “posizione”; perciò Sarvangasana viene tradotta come “la posizione di tutti gli arti” o “la posizione dell’intero corpo”. Nonostante ciò, questa asana è comunemente conosciuta come “la posizione a candela”. Sarvangasana, come si fa Sdraiati sul tappetino a pancia in su con le gambe distese e le braccia rilassate lungo il corpo; controlla la tua posizione in modo che la schiena e il collo siano allineati. Appoggia i piedi a terra e, spostando il peso del corpo sui piedi,...

Read More

Viparita Karani

Viparita Karani è una posizione invertita, ma passiva, grazie al sostegno del muro. Per questa ragione è una posizione rilassante e consigliata ai praticanti di tutti i livelli, con l’uso degli adatti sostegni. Altre posizioni invertite: Halasana, Sarvangasana. Significato In sanscrito, viparita significa ”invertito”, “girato” e karani “fare”, “eseguire”. Questa posa può pertanto essere tradotta come “la posizione invertita” o in modo più descrittivo “la posa delle gambe appoggiate al muro”. Come si fa Viparita Karani Posizionati davanti a un muro ampio e libero da oggetti. Siediti a terra con i piedi appoggiati al pavimento davanti a te e...

Read More

Preservare la spiritualità del Tibet, il monastero di Galingteng

Un progetto concreto, il monastero di Galingteng A Galingteng, un piccolo villaggio di nomadi della Contea di Derge, si trova uno dei luoghi sacri più importanti del Tibet orientale: il Monastero di Galingteng. Sostenere questo monastero significa proteggere l’identità culturale e la spiritualità tibetana per trasmetterla alle nuove generazioni e farla conoscere anche nel resto del mondo. Il Monastero nato come monastero Nyingmapa, è stato poi affiliato alla tradizione Sakyapa dai reggenti di Derge e ancora oggi combina pratiche delle due tradizioni. Lha Lung Dpal Gyi rDorje, i Mahasiddha A Gyi rDorje, A Gnyan Kungda’Grags, Kunga Palden, Khyentse Choekyi Wangchuk sono...

Read More

L’AcroYoga: un affascinante strumento per evolversi e creare connessione tra esseri umani

Due chiacchiere con gli insegnanti italiani certificati: Vincenzo Citto e Laura Giustino L’AcroYoga è l’incontro tra l’Acrobatica, lo Yoga e il Massaggio Thailandese. Coinvolge 3 figure: il Flyer, colui che vola; la Base, colui che lo sostiene e lo Spotter che interviene in caso di difficoltà ed assiste connettendosi al volo. L’esperienza della fiducia diventa possibile anche grazie a quest’ultima figura che impedisce al flyer di cadere e che, aiuta gli altri 2 praticanti a migliorarsi attraverso i feedback che restituisce loro. Quando si parla di AcroYoga si sente spesso utilizzare il termine “volare” cosa si intende per l’esattezza?...

Read More

Bharadvajasana, la posizione del saggio Bharadvaja

Bharadvajasana è una torsione seduta, che aiuta ad aprire le anche, tonificare i muscoli della schiena e gli organi addominali. Altre torsioni: Ardha Matsyendrasana, Maricyasana III, Pasasana. Altre asana che aprono le anche: Rajakapotasana, Prasarita Padottanasana. Significato di Bharadvajasana Bharadvaja è il nome di uno dei sette leggendari mistici che secondo la tradizione induista hanno composto i Veda. Questa posizione è nota quindi come “la posizione del saggio Bharadvaja” o “la torsione di Baradvaja”. Secondo la tradizione induista, quando sulla terra comparvero le malattie a ostacolare la vita degli esseri viventi, un gruppo di saggi provenienti da ogni angolo...

Read More

Malasana, la posizione della ghirlanda

Malasana ha la capacità di stabilizzarti e connetterti con le energie della terra, attivando una forza che scorre verso il basso conosciuta nello yoga come apana vayu. È una posizione utile per distendere la mente in preparazione ad asana più complesse, verso la fine della pratica, o prima di una seduta di meditazione. Significato di Malasana Il termine malasana in sanscrito è comunemente utilizzato per riferirsi a diversi tipi di posizioni accucciate: la più comune, nota anche come upavesasana, consiste nel comune squat a gambe allargate, con i piedi distanziati tra loro, i palmi delle mani congiunti davanti al...

Read More

Sukhasana, la posizione piacevole

GUARDA TUTTE LE ASANA Sukhasana è una tra le più confortevoli e facili asana sedute. E’ una posizione che potresti aver già praticato naturalmente quando eri un bambina, mentre giocavi o eri rilassata e felice. Questa asana è consigliata per effettuare le tecniche di pranayama o per la meditazione, ed è indicata sopratutto per chi ha una flessibilità ridotta a livello delle anche e non riesce ad eseguire o a mantenere a lungo altre posizioni sedute come Vajrasana o Padmasana. Sukhasana, significato In sanscrito, sukha significa “gioia”, “delizia”, “felicità”, “conforto” e asana significa “posizione”, pertanto questa asana può essere tradotta letteralmente come la “posizione...

Read More

Pasasana, la posizione del cappio

Pasasana può essere descritta come una posizione relativamente avanzata, in cui coesistono lo squat, un piegamento in avanti e una torsione del corpo. La posa allena anche il senso dell’equilibrio nel momento in cui ci si deve accucciare a terra e contemporaneamente compiere una torsione. Nonostante sia una posizione avanzata, esistono tuttavia diverse variazioni e modifiche con cui è più semplice iniziare. Significato di Pasasana In sanscrito, pasa significa “legame, nodo, cappio”, mentre asana significa “posizione”. Pertanto questa asana viene tradotta come la “posizione del cappio”. Come si fa Pasasana Posizionati in piedi sul tappetino in Tadasana. Concentrati sulla...

Read More

Ardha Bhekasana, la mezza posizione della rana

Ardha Bhekasana è una delle asana più complete e impegnative, agisce sia al livello delle anche, che a quello del bacino e delle ginocchia. Significato di Ardha Bhekasana In sanscrito, ardha significa “metà”, bheka significa “rana” e asana “posizione”. Pertanto questa asana può essere tradotta come la “mezza posizione della rana”. Questa posa è chiamata così perché la forma delle gambe piegate che si assume nella posizione mimano la forma delle gambe di una rana. In alcune scuole di yoga questa asana è anche conosciuta con il nome Ardha Mandukasana oppure Eka Pada Bhekasana, la “posizione della rana con una gamba”. Come...

Read More

Bakasana, la posizione della gru

Significato di Bakasana In sanscrito, la parola baka si riferisce a un uccello che somiglia ad una gru, pertanto questa posa può essere tradotta la “posizione della gru”. In ogni caso questa asana è maggiormente nota come la “posizione del corvo”. Bakasana, come si fa Inizia in Tadasana. Accovacciati a terra e appoggia le mani davanti a te sul tappetino, separate tra di loro dalla larghezza delle spalle, con le dita ben distese e separate. Mantieni le mani e piedi dove sono, ma solleva il bacino verso l’alto, piega le ginocchia e stacca i talloni da terra in modo...

Read More

Marichyasana, la posizione del raggio di luce

Marichyasana è un piegamento in avanti che fa ruotare il bacino e le spalle in direzioni opposte, creando una torsione nella parte superiore del corpo. Altri piegamenti in avanti: Paschimottanasana, Padahastasana. Altre torsioni: Ardha Matsyendrasana, Kati Chakrasana Significato e mitologia di Marichyasana Marichyasana prende il nome dalla parola sanscrita marichi, che significa “raggio di luce”. Nella mitologia Indiana, Marichi era uno dei figli di Brahma, il creatore divino, ed era il capo dei Maruti, “gli splendenti”. Marichi inoltre era uno dei veggenti (rishi), che intuitivamente riuscivano a “vedere” e dichiarare la legge divina dell’universo (dharma). Marichyasana, un nome molte...

Read More

Utthan Pristhasana, la Posizione della Lucertola

Significato di Utthan Pristhasana In sanscrito utthan significa “distendere” e pristha significa “pagina di un libro”, ma anche “retro del corpo”. Pertanto il significato letterale di questa asana è “la posizione per distendere il retro del corpo”, anche se la postura è più comunemente chiamata “la posizione della lucertola”, per la somiglianza della posizione assunta con il corpo allungato e scattante del rettile. Come si fa la posizione della lucertola Posizionati in Adho Mukha Svanasana. Porta in avanti il piede destro e appoggialo accanto alla mano destra, leggermente all’esterno della spalla. Assicurati di portare bene avanti il piede in modo...

Read More

Yoga a Milano

Ah… Milano, la città più attiva e laboriosa d’Italia. Milioni di cose diverse da fare: locali, ristoranti, festival, musei e fiere. Non si sta mai un attimo fermi! Del resto tutto questo movimento può risultare un po’ stressante… Se vuoi prenderti una vacanza dal traffico, dal lavoro o dalle centinaia di impegni che sicuramente che la metropoli ti crea, non c’è niente di meglio che fare visita ad uno dei tanti yoga studio o scuole di yoga disseminate per la città. Una classe di yoga, anche solo di un’ora, può cambiarti drasticamente la qualità della vita per l’intera settimana!...

Read More

Makarasana, la posizione del coccodrillo

Questa posizione è semplice da eseguire ed è particolarmente indicata come asana di riposo dopo l’esecuzione di pose impegnative o dopo una lunga sessione di meditazione. Significato In sanscrito makara significa “coccodrillo” e asana significa “posizione”. Pertanto Makarasana può essere tradotto come “la posizione del coccodrillo”. Come si fa Makarasana Distenditi sul tappetino a pancia in giù. Appoggia la fronte a terra e le mani di fianco alla testa, con i palmi rivolti verso il basso. Espira, solleva la testa e la parte superiore del torace e posizionati in Ardha Bhujangasana. Ricorda di non affaticare nessuna parte del corpo....

Read More

Vasisthasana, la posizione della panca laterale

Significato di Vasisthasana In sanscrito, vasisth è un aggettivo che può essere tradotto con “il migliore” o “l’eccellente”; questa parole indica anche la contentezza spirituale che può essere raggiunta attraverso il cammino yogico. Considerato che molti saggi induisti venivano insigniti dell’aggettivo onorario “Vasistha”, Vasisthasana viene talvolta chiamata “la posizione del saggio”. In ogni caso, il modo più noto in cui si chiama questa posizione in occidente è “posizione della panca laterale”, considerandola la naturale evoluzione di Utthita Chaturanga Dandasana. Vasisthasana, come si fa La versione originale di Vasisthasana, con la gamba superiore sollevata e perpendicolare al pavimento, va oltre...

Read More

Ananda Balasana, la posizione del bambino felice

Ananda Balasana, la posizione del bambino felice, non deve essere confusa con Balasana, la posizione del bambino. Sebbene le due asana abbiano un nome simile, sono due pose molto diverse tra loro. Significato In sanscrito, ananda significa “felicità”, bala “bambino” e asana “posizione”, pertanto Ananda Balasana può essere letteralmente tradotta come la “posizione del bambino felice”. Come si fa Ananda Balasana Distenditi a terra a pancia in su, espira e piega le ginocchia, portando le gambe sopra la pancia. Inspira e afferra la parte esterna della pianta dei piedi con le mani, lasciando le braccia all’esterno delle gambe. Le...

Read More

Vrksasana, la posizione dell’albero

Significato di Vrksasana In sanscrito, vrksa significa “albero” e asana “posizione”, pertanto questa posa può essere tradotta letteralmente come “la posizione dell’albero”. Come si fa Vrksasana Vrksasana è una posizione polare, cioè lavora sui due aspetti energetici del corpo: quello yin, femminile, lunare e quello yang, maschile, solare. È importante quindi, per mantenere bilanciati questi due aspetti (sia da un punto di vista fisico che energetico), eseguire la posizione per la stessa durata da entrambi i lati. Posizionati in piedi sul tappetino in Tadasana. Sposta leggermente il peso sul piede sinistro, mantenendo la pianta del piede ben appoggiata a terra....

Read More

Hanumanasana, la posizione della scimmia

Secondo la mitologia induista, Hanuman è il dio a capo dei guerrieri scimmia e un grande amico di Rama, un alter ego del dio Krishna, l’impersonificazione della virtù. Quando la moglie di Rama, Sita, viene rapita da un demone malvagio, Hanuman aiuta Rama a salvarla. Nelle loro peregrinazioni alla ricerca di Sita arrivano fino all’isola Sri Lanka. Significato di Hanumanasana In sanscrito, hanuman siginifica “scimmia” e asana “posizione”, pertanto questa asana significa letteralmente “la posizione della scimmia”. In particolare questa posizione vuole ricordare l’incredibile salto che il dio Hanuman fece dalle coste del sud dell’India all’isola di Sri Lanka,...

Read More

La sequenza del gatto e della mucca

Marjariasana, la posizione del gatto, e Bitilasana, la posizione della mucca Marjariasana, la posizione del gatto, e Bitilasana, la posizione della mucca, vengono qui descritte assieme perché molto spesso sono associate in una breve sequenza molto utile per riscaldare e stirare i muscoli della schiena e del collo e per preparare tutto corpo alla pratica. Significato di Marjariasana e Bitilasana Nella lingua sanscrita Marjariasana può essere tradotta come la “posizione del gatto” (da marjari, “gatto”), in quanto assomiglia a un gatto che si tende per allungare la schiena. Bitilasana (dal sanscrito batila “mucca” e asana “posizione”) viene tradotta letteralmente...

Read More

Simhasana, la posizione del leone

Significato di Simhasana In sanscrito, simha significa “leone” e asana “posizione”, pertanto simhasana può essere letteralmente tradotta come la “posizione del leone”. In alcuni testi viene anche chiamata Simhagarjanasana. Come si fa Simhasana Inginocchiati sul tappetino e incrocia le caviglie (la caviglia destra va sopra quella sinistra). Punta i piedi verso l’esterno. Siediti con i glutei a contatto con il tallone che sta sopra. Appoggia i palmi delle mani con forza sulle ginocchia. Allarga le dita e afferra le ginocchia come se le dita delle mani fossero gli artigli di un leone. Inspira profondamente attraverso il naso, apri la bocca...

Read More

I migliori Yoga articoli del 2016

È già passato un anno da quando Il Giornale dello Yoga ha visto la luce? Incredibile, sembra passato in un soffio! Con la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo vogliamo ringraziarvi per averci seguito. Ci avete letto in tantissimi! Se tutti i lettori che hanno sfogliato le nostre pagine questo primo anno si tenessero per mano coprirebbero una distanza che va da Milano a Firenze in un’unica catena: siete stati più di 170.000 Un grazie speciale va a tutti i nostri collaboratori e scrittori che, esclusivamente per l’amore dello Yoga, hanno scritto più di 160 articoli, informando, condividendo...

Read More

Supta Matsyendrasana, la posizione distesa di Matsyendra

Significato di Supta Matsyendrasana In sanscrito, supta significa “disteso”, “reclinato” e Matsyendra è il nome di uno dei leggendari yogi della tradizione antica, allievo diretto del dio Shiva. Questa posizione pertanto si può tradurre come “la posizione reclinata di Matsyendra”. Se vuoi saperne di più su Matsyendra o vuoi vedere la posizione in piedi, guarda Ardha Matsyendrasana, la mezza posizione di Matsyendra. Come si fa Supta Matsyendrasana Supta Matsyendrasana è un’asana polare, va eseguita cioè sia dal lato destro che dal lato sinistro per godere a pieno dei suoi benefici. Distenditi sul tappetino con la schiena a terra. Piega le...

Read More

Sasangasana, la posizione del coniglio

Significato di Sasangsana In sancrito, sasanga significa “coniglio” e asana “posizione”, pertanto questa posa può essere tradotta come la “posizione del coniglio”. Sasangasana è una delle più semplici posizioni invertite (in cui cioè la testa si trova in una posizione più bassa rispetto al cuore) che permette ai principianti di godere dei benefici di tali posture senza mettere sottosopra tutto il corpo. Consente molti dei benefici di Sirsasana e Sarvangasana pertanto è indicata per i principianti, per le donne durante il periodo mestruale che preferiscono evitare le inversioni complete o per chi vuole fare una pratica più tranquilla. Altre...

Read More

Utthita Parsvakonasana

Significato di Utthita parsvakonasana In sanscrito, utthita significa “esteso”, parsva significa “laterale” e kona “angolo”. Questa asana pertanto può essere letteralmente tradotta come “la posizione dell’angolo laterale esteso”. Utthita Parsvakonasana, come si fa Utthita parsvakonasana è una posizione polare, cioè lavora sui due aspetti energetici del corpo: quello yin, femminile, lunare e quello yang, maschile, solare. È importante quindi, per mantenere bilanciati questi due aspetti (sia da un punto di vista fisico che energetico), eseguire la posizione per la stessa durata da entrambi i lati. Stai in piedi sullo yoga mat con i piedi vicini rivolti verso il lato lungo...

Read More

Dandasana, la posizione del bastone

Significato di Dandasana In sancrito, danda significa “bastone” e asana significa “posizione”, pertanto viene tradotta come la “posizione del bastone”. Dandasana, come si fa Siediti sul tappetino con le gambe distese davanti a te e unite. Tieni la schiena dritta, abbassa le spalle allontanandole dalle orecchie, allunga il collo e solleva il mento, in modo che risulti parallelo al pavimento. Mantieni lo sguardo davanti a te. Appoggia le mani di fianco al bacino con i palmi che toccano a terra. Contrai tutti i muscoli delle braccia e delle gambe, ruota leggermente le cosce verso l’interno e fletti le caviglie...

Read More

Yantra del mese

Iscriviti

Libro Consigliato

Pagina Facebook