Select Page

Mese: luglio 2017

Ardha Matsyendrasana, mezza posizione di Matsyendra

GUARDA TUTTE LE ASANA Ardha Matsyendrasana è una delle più antiche e tradizionali posture dello yoga. Consiste in una torsione della spina dorsale che si esegue da seduti. E’ inoltre una posizione polare, cioè che si esegue su due lati, il destro e il sinistro, e stimola due aspetti energetici del corpo: quello yin, femminile, lunare e quello yang, maschile, solare. Altre posizioni polari: Kati Chakrasana, Garudasana Altre torsioni da seduti: Pasasana, Bharadvajasana   Ardha Matsyendrasana, significato Il nome di questa asana deriva dal sanscrito ardha che significa “metà” e Matsyendra, ” il signore dei pesci” (da matsya “pesce” e indra...

Read More

Dharana

Quando il corpo è in salute ed equilibrato, seguendo la pratica delle asana, e l’energia e i sensi sono sotto controllo, grazie alla pratica di pranayama e pratyahara, la mente è così preparata per eseguire dharana, la concentrazione. Dharana, il primo livello di concentrazione Tradizionalmente i primi cinque degli ashtanga descritti da Patanjali negli yoga Sutra sono considerati esterni, mentre i tre stadi finali (Dharana, Dhyana e Samadhi) sono completamente interni. Questi ultimi tre stadi sono anche conosciuti nell’insieme con il nome di sanyam, “controllo”. Dharana, Dhyana e Samadhi infatti possono essere considerati stati progressivamente più avanzati di concentrazione,...

Read More

Tre progetti Yoga innovativi che sono passati alla storia

Come può fare una persona che ha un’idea nuova, artistica o creativa nel campo dello Yoga ma non ha i fondi necessari per realizzarla? La risposta è il “crowdfunding”, anche detto in italiano “finanziamento collettivo”. Questa possibilità ha già sostenuto tantissimi progetti yogici, che non sarebbero stati possibili senza l’aiuto dei sostenitori. Un esempio su tutti sono gli Yoga Soldatini di Dan Abramson (ne parliamo in uno dei primi articoli usciti sul GdY) che ha finanziato i suoi soldatini pacifisti grazie proprio a questo strumento. Viviamo in tempi incredibili! Oggi è veramente possibile presentare un’idea al pubblico e raccogliere...

Read More

Natarajasana, la posizione del re danzatore

Natarajasana è una posizione in piedi, che richiede un buon equilibrio, fisico e mentale, e che è utile per distendere i muscoli di gambe e spalle. Altre asana in piedi: Garudasana, Hasta Uttanasana. Significato di Natarajasana In sanscrito, nata signifca “attore” o “danzatore” e raja significa “re”, pertanto questa asana può essere tradotta letteralmente come “la posizione del re danzatore”. Nataraja è anche uno dei tanti appellativi del dio Shiva, la cui danza, secondo la tradizione induista, simboleggia l’energia cosmica. Natarajasana, come si fa Posizionati in piedi in Tadasana. Inspira e sposta il tuo peso sul piede destro. Solleva il...

Read More

Yoganect, il nuovo social network per Yogi

Come sarebbe il mondo se esistesse un social network, tipo Facebook, popolato esclusivamente da yogi? Beh, semplice! Invece che intasate con video di gattini che fanno le fusa, le bacheche sarebbero piene di gattini che fanno le fusa su materassini da yoga. Invece che tread infiniti in cui si litiga su politica o calcio, si discuterebbe animatamente su quale sia la posizione corretta delle mani in Talasana o la corretta traduzione dal sanscrito delle Mahavakia. A parte gli scherzi, potrebbe essere comodo avere su di un unico portale tutti i workshop, gli insegnanti, gli allievi, le classi e gli...

Read More

Sahasrara, il culmine del percorso dei chakra

Contrariamente a quanto normalmente si pensa, sahasrāra non è un chakra. In sahasrāra infatti non esistono polarità, ma solo l’unità primaria. Sahasrāra è il silenzio, la quiete, l’assoluto, senza tempo e senza spazio. Significato In sanscrito sahasrāra significa “mille”. Per questo si dice che sia un loto dai mille petali. Ma mille implica un numero sconfinato (come il “sette volte sette” della Bibbia), quindi sarebbe meglio dire che sahasrāra è un loto con un numero infinito di petali. Simbologia Il loto che rappresenta sahasrara di solito si dice che sia rosso o multicolore. Nell’iconografia cristiana, invece, il bagliore radiante...

Read More

Bhujangasana, la posizione del cobra

GUARDA TUTTE LE ASANA Significato Bhujangasana In sanscrito, bhujanga significa “serpente” (dalla radice bhuj “piegare”) e asana significa “posizione”. Bhujangasana può  quindi essere tradotta letteralmente come la “posizione del serpente”, ma più comunemente è conosciuta come la “posizione del cobra”, perché la postura della testa, del torso e delle braccia mimano la forma di un cobra con il cappuccio allargato. Bhujangasana, come si fa Distenditi a pancia in giù sul tappetino e posiziona i palmi delle mani a terra all’altezza delle spalle. Tieni le gambe distese, con il collo del piede appoggiato al tappetino. Rilassa tutti i muscoli completamente. Allarga le dita delle...

Read More

Lo yantra nella tradizione dello yoga

Etimologia di Yantra Nell’antica lingua sanscrita yan significa “sostegno”, “supporto”, “essenza di un oggetto” e tra significa “liberazione”. La parola Yantra pertanto può essere tradotta come “strumento che preserva l’essenza e libera”. Uno yantra rappresenta, almeno in potenza, uno strumento in grado di liberare l’uomo dai cicli del karma e portare ad una introversione della mente. Nelle scuole tantriche, la pratica di meditare o fare trataka di fronte ad uno yantra è considerata un’attività importantissima, in quanto mette in contatto direttamente con la Divinità. In uno dei più importanti testi della letteratura tantrica, il Kularnava Tantra, durante un dialogo tra gli dei Shiva e Shakti, si legge...

Read More

I Veri Antichi sono i Moderni

“Contraendo l’ano si solleva vāyu dal mūlādhāra e per tre volte si va in cerchio intorno a svadhiṣṭhāna. Poi, passato maṇipūraka si attraversa anāhata, si controlla prāṇa in viśuddhi e finalmente, raggiunto ājñā poi avendo raggiunto Ajna, si contempla in brahmarandhra[…] e si diviene il senza forma[…] questo è quel paramahaṃsa [il Cigno Supremo]. […]. Haṃ è il seme, sa è la śakti, so’ham è il kilaka [il pilastro]” Haṃsa Upanishad III COME NON SMARRIRE LA CONOSCENZA TRADIZIONALE NEL MERCATO MODERNO DELLE DISCIPLINE OLISTICHE Sono 45 anni che mi occupo di Yoga e di discipline psicofisiche orientali, quelle che...

Read More

La Via Verso il Risveglio Spirituale dello Yogi Swamiji

Il sogno di questo progetto nasce nel vagone di terza classe del treno indiano che da un lago generato da un fiore di loto nel deserto del Rajasthan, mi ha portato nel piccolo villaggio di Seerar, alle pendici dell’Himalaya, di cui si racconta che i suoi abitanti siano sacri agli dei Shiva e a Parvati per diritto di nascita. È proprio questo luogo che 70 anni fa ha dato i natali allo yogi Swamiji, ed è tra queste montagne che Swamiji ha camminato per più di 10 anni come un monaco errante con il solo supporto di Dio… ma...

Read More

Halasana, la posizione dell’aratro

GUARDA TUTTE LE ASANA Halasana è una posizione invertita che si esegue a terra. Le asana invertite hanno un potente effetto energetico sull’organismo in quanto permettono la sublimazione dell’energia. Invertendo la posizione del corpo nello spazio, le energie dei chakra più bassi si muovono verso l’alto, trasformando l’energia sessuale e l’energia tellurica in energia spirituale. Significato di Halasana Hala in sanscrito significa “aratro”, per questo Halasana viene tradotta come “la posizione dell’aratro”. Secondo la trazione yogica questa asana permette di purificare il “campo” mentale del praticante, creando così le giuste condizioni per ottenere una mente più vigile e attiva...

Read More

Yantra del mese

Iscriviti

Libro Consigliato

Pagina Facebook